FEDERICO E FABIO HANNO SCELTO DI INTERVISTARE GIULIANA, LA MAMMA DI UN LORO AMICO CHE FREQUENTA IL CENTRO DIURNO SPES…

Mi chiamo Giuliana, sono la mamma di Luca, un ragazzo che frequenta il Centro Diurno Spes e partecipo attivamente come volontaria , offrendo anche sostegno al negozio Spes di Ventimiglia; attività incrementata durante e dopo l’emergenza sanitaria.

Quando Luca era piccolino e abbiamo appreso la diagnosi della sua sindrome, come molti genitori che si sono trovati nella nostra stessa situazione, ci siamo sentiti sopraffatti da varie emozioni: paura, preoccupazione e inadeguatezza.

Io e la mia famiglia ci siamo subito posti degli obiettivi, mettendo la serenità e l’autonomia di Luca al primo posto, cercando di progettare al meglio il suo futuro e affidandoci a professionisti competenti.

Abitando a Ventimiglia, conoscevo da anni la Spes, e grazie ad una collaborazione con l’Istituto Aicardi di Sanremo , siamo riusciti ad  inserirlo al centro dopo il diploma superiore.

L’inserimento è avvenuto in modo graduale, facendo conoscere a Luca i suoi compagni, gli operatori ed i nuovi ambienti, fino ad arrivare alla completa integrazione nel gruppo, ormai diventato un pezzo di vita per lui.

La Spes è un grande sostegno per le famiglie, ci sentiamo parte di un unico grande gruppo. Di conseguenza, molte famiglie come la mia, offrono aiuto alla Spes, collaborando e partecipando alle feste ed agli eventi.